Tilda, un sogno a occhi aperti

Di Valeria Petrone, illustratrice di “Tilda e la luna”

Tilda, la renna dalle lunghe corna arancioni e il maglione a righe, è nata alcuni anni fa, qualche giorno prima di Natale. L’ho disegnata per fare gli auguri agli amici e a quel tempo non immaginavo, non sapevo ancora, che sarebbe diventata la protagonista di un racconto natalizio.

Quando ho dovuto rappresentare i suoi compagni di avventure, ho pensato che sarebbe stato bello che avessero un elemento in comune, pur essendo così diversi: uno, Orso, è alto e grosso, l’altro, Topino, è piccolo piccolo. Così, visto che Tilda ha un’evidente passione per i maglioni colorati, ho deciso che anche i suoi amici dovessero sfoggiare un maglione di lana a disegni geometrici. Insieme formano una piccola banda.

Illustrando il viaggio di Tilda sulla luna, mi sono divertita a inserire alcuni elementi subliminali riferiti al Natale e agli amici, per suggerire che il viaggio di Tilda è anche, e forse soprattutto, un sogno a occhi aperti, un percorso di conoscenza di sé e degli altri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...