Baby Letture: Tilda e la Luna. La renna astronauta di Umberto Sebastiano nei disegni di Valeria Petrone.

Recensione di Albert Valloni, da http://www.neveglam.com/

Valeria Petrone, cresciuta professionalmente a Londra, una città in continuo fermento creativo, oggi è una appassionata illustratrice, corteggiata dalle migliori case editrici internazionali (da Random House a Penguin, da Simon and Schusters a Collins, da Flammarion a Einaudi ed Edizioni Bompiani), la cui fantasia non può certo limitarsi ai coffee-book, quelle lussuose edizioni extra-large che richiedono il supporto di un coffee-table per essere sfogliate comodamente, e tantomeno alle pagine patinate di riviste di moda e attualità al femminile, un nome per tutte, Io Donna, il supplemento del Corriere della Sera.

No, quello che lei ama è mettersi in gioco, e la sfida più recente, apparsa in questi giorni in libreria, si chiama Tilda e la Luna, un racconto di Natale scritto dal giornalista e autore per tv, UmbertoSebastiano e pubblicato da La Spiga Edizioni, nella collana per l’infanzia Lilliput “dove i piccoli lettori possono trovare grandi storie per sognare”.
Tilda, una renna antropomorfa dal palco di corna rosse come la sua maglietta a strisce,  ha due amici, orso e topolino. Insieme si divertono in montagna giocando a palle di neve, ma un pensiero la agita: vorrebbe andare sulla Luna, e per questo modella un’astronave (anziché fare il classico pupazzo di neve).

Gli amici decidono di collaborare al suo intento e giunto Natale le fanno trovare sotto l’albero come regalo uno splendido casco da astronauta. A questo punto l’avventura prende forma e Tilda, catapultata nello spazio, approda sulla Luna, ma a sorpresa la solitudine l’assale. Scrutando un cielo stellato, la nostra amica renna decide di perlustrare il  satellite alla ricerca di vita. Ma proprio quando sta per abbandonare le sue ricerche, s’imbatte in una capsula spaziale a forma di una gigantesca pallina di Natale rosso vermiglio. All’interno, presa da un vuoto allo stomaco, decide di aprire il cestino della merenda per poi scoprire che, insieme alle cose da mangiare, salta fuori un curioso tubetto colorato da cui fuoriescono delle bolle. In una si specchia e insieme alla sua immagine riflessa scorge, a sua meraviglia, gli amici orsetto e topino.
Presa dalla nostalgia decide nuovamente d’imbarcarsi e di far rotta sul pianeta terra.

Dove ritroverà gli abbracci e i sorrisi degli amici, non più solamente immaginati su un’effimera bolla di sapone. Insomma una favola per baby-lettori che amano viaggiare con la fantasia ma anche stare coi piedini per terra…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...